by admin

Share

by admin

Share

Giuseppe Bartuccio, fotografo in viaggio

Presentiamo l’incontro attraverso le parole del fotografo

“Raccontare attraverso le immagini è sempre stata una prerogativa umana, un bisogno naturale di esprimere la nostra personale visione della realtà.

I graffiti, le pitture, la fotografia.

Mi sono avvicinato alla fotografia in maniera indiretta: le prime esperienze risalgono al 1984, quando, per professione, ho iniziato a stampare sia il bn che il colore. Il lavoro in camera oscura – grazie alla guida di ottimi maestri – mi ha permesso di comprendere a fondo la luce e la composizione, affinando l’occhio fino a sentire, quasi fosse un bisogno vitale, la naturale propensione a rappresentare ciò che osservavo “confinandolo” all’interno della cornice del formato 2:3, per me la più rappresentativa.

Negli anni, attraverso varie esperienze, ho coniugato la fotografia al bisogno di viaggiare, confrontarmi con realtà diverse e lontane, sviluppando una tecnica del tutto personale che mi ha permesso di catturare momenti irripetibili, riempiendo i diari dei mie viaggi di emozioni che – spero – risultino visibili nei miei lavori. Occhio per vedere.

Cuore per sentire. Mente per elaborare. Queste sono le mie foto”.

Segui la pagina di Giuseppe Bartuccio

STAY IN THE LOOP

Subscribe to our free newsletter.

Don’t have an account yet? Get started with a 12-day free trial

Related Posts

View all